ITA | ENG | DEU
DDI

Associati ora

Sostienici e accedi ai contenuti riservati come:
FORUM , NEWS dall'ASSOCIAZIONE, ARTICOLI SCIENTIFICI, E ALTRO

Associati ora o rinnova l'iscrizione » Chiudi

Area riservata


C’è un giardino chiaro, fra mura basse,
di erba secca e di luce, che cuoce adagio
la sua terra. È una luce che sa di mare.
Tu respiri quell’erba. Tocchi i capelli
e ne scuoti il ricordo.

Cesare Pavese


Questo sito e' in fase di restyling

Campagne »

#Smuoviamolaricerca

 

Segue »


Pubblicazioni DDI »

Il vissuto degli intestetismi del contorno occhi

 

Il vissuto degli intestetismi del contorno occhi nella popolazione femminile italiana

Apri file PDF


Letture consigliate »

Havana Melody

Dopo le violenze subite, per Bruna la vita ricomincia...

Segue »


Eventi »

Agenda eventi DDI

«   Settembre  2017   »
L M M G V S D
       123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Vai alla pagina degli eventi »


"Un passo alla volta mi basta"

Gandhi

D.D.I., Donne Dermatologhe Italia, è l'Associazione delle Dermatologhe Italiane, istituzionalizzata nel giugno 2003, ma in realtà sorta come una "lobby rosa" nel 1999.

Questo gruppo è nato dall'esigenza di avere tra le colleghe una rete più stretta di informazione, di collegamento e di aggiornamento che fosse comune dal nord al sud della nostra penisola, con la finalità di valorizzare l'attività dermatologica specialistica "al femminile" in campo medico, scientifico e culturale.

Benché in Italia esista in generale una certa resistenza all'emancipazione femminile sociale, lavorativa e politica, rispetto ai  paesi anglosassoni o nordici, riconosciamo che la disparità è ulteriormente demarcata da crescite culturali e sociali estremamente differenti per realtà e tradizioni storiche regionali.

L'esigenza di sostenere una rappresentanza specificamente femminile nella disciplina dermatologica, ci ha portate ad affrontare un impegno che trascende le esclusive competenze medico-specialistiche, per avvicinare un pubblico, soprattutto quello delle donne, sempre più partecipe, attento e interessato alla salute, all'estetica, alla prevenzione, ma anche a tutte le problematiche sociali e culturali correlate a queste tematiche.

La scelta di operare attraverso un'istituzione costituita da donne sembra anacronistica, ma l'emancipazione femminile non sempre segue il progresso sociale.

La nascita del D.D.I. è da ascriversi a diverse motivazioni, ma soprattutto è legata alla positiva esigenza di crescita che vede coinvolte le libere professioniste di questa disciplina, le ospedaliere, le ambulatoriali, le universitarie, le ricercatrici, le specializzande, consentendo di mettere a confronto ed elaborare le differenti esperienze professionali e ottimizzare il rapporto reciproco di conoscenza.

Tra gli scopi del D.D.I., quale affiliazione pienamente apartitica, vi è quella di sostenere lo spirito umanitario che ognuna di noi, prima come medico e poi come specialista, deve esercitare. Il percorso da attuare è difficile, come attesta il fatto che i Nobel assegnati a scienziate nel corso del secolo scorso siano stati solo undici e l'osservazione che il numero di donne a cui vengono affidati i ruoli di rilievo nella ricerca e nelle istituzioni sia ancora molto esiguo. Realtà calcolata da due valenti biologhe svedesi che hanno accertato il fatto che, per ottenere promozioni pari ad un ricercatore, una ricercatrice deve essere 2,6 volte più brava. O come emerso da una nostra ricerca, dove sì una dermatologa viene preferita in quanto tale, ma deve essere anche due volte più competente di un collega uomo.

Corinna Rigoni
Presidente Fondatore


Credits: TWT Spa